Il progetto Arsan del Teatro dell’Orsa con Radici di futuro

Stampa articolo Stampa articolo

La scoperta e il riconoscimento delle radici della cultura popolare del territorio, incontri e laboratori gratuiti con la partecipazione di artisti e cittadini: le attività, guidate da Monica Morini e Bernardino Bonzani, proseguiranno per tutto dicembre e nel 2021

Al via mercoledì 9 dicembre alle ore 21, con un dialogo online con il regista Gabriele Vacis sulla pagina Facebook della Casa delle Storie di Reggio Emilia (https://www.facebook.com/casadellestorie.orsa), il progetto ARSAN Arte Resistente Sostenibile Aperta Necessaria a cura del Teatro dell’Orsa.

L’incontro è il primo di una serie di conversazioni: il 16 dicembre sarà protagonista la compositrice e formatrice romana Antonella Talamonti, con cui la Compagnia guidata da Monica Morini e Bernardino Bonzani collabora da tempo; il 30 dicembre sarà la volta del regista Vincenzo Picone mentre il 13 gennaio è in programma un incontro con Luciano Pantaleoni, scrittore e ricercatore con cui il progetto Arsan è stato ideato.

Questi primi dialoghi, presentati con il titolo-tema 100 voci – Radici di futuro, sono preludio a un articolato percorso che proseguirà per tutto il 2021 e che avrà come centro propulsore (online e, appena possibile, in presenza) la Casa delle Storie di Via Sergio Beretti 24, nel quartiere Gattaglio di Reggio Emilia.

 

Info sul Teatro dell’Orsa: http://www.teatrodellorsa.com/.

Info sulla Casa delle Storie: http://www.casadellestorie.it/.

Pagina Facebook della Casa delle Storie (su cui sarà possibile vedere gratuitamente i dialoghi del ciclo 100 voci – Radici di futuro): https://www.facebook.com/casadellestorie.orsa.

Il progetto Arsan a cura del Teatro dell’Orsa è realizzato con il contributo del Comune di Reggio Emilia. Il presente avviso si inserisce nell’ambito del programma di attività promosse dalle città di Reggio Emilia, Parma e Piacenza e dalla Regione Emilia-Romagna in occasione di Parma Capitale Italiana della Cultura 2020+21.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento