Case della Carità, il Consiglio ha incontrato il Vescovo

Stampa articolo Stampa articolo

Le Case della Carità sono note più o meno a tutti: luoghi concreti di vita comune accessibili a chiunque voglia gustare il profumo del Vangelo (anche se non sempre è profumo ciò che resta nell’aria…). Più misteriosa invece è la “Congregazione Mariana delle Case della Carità”: l’insieme di tutti coloro che si sentono chiamati da Gesù a riconoscerLo e a farLo conoscere nella Parola, nell’Eucaristia e nei Poveri, in quello stile familiare e semplice che caratterizza le Case della Carità. È una Famiglia allargata che oggi abbraccia membri presenti in 4 continenti su 5, diversificata per età, cultura, salute, fede e scelte di vita.
Riconosciuta dalla Chiesa di Reggio nel 1956, ha da sempre nel Vescovo diocesano il pastore e garante ecclesiale della propria missione e sta rivedendo in questi ultimi anni la sua organizzazione interna per rispondere meglio alle sfide dell’oggi custodendo la freschezza delle origini.

Leggi tutto l’articolo di Antonella Bussetti su La Libertà del 2 dicembre 2020

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento