L’omelia: un prete buono, aperto a tanti interessi

Stampa articolo Stampa articolo

Questa preghiera di suffragio ci aiuta anzitutto ad una riflessione spirituale e liturgica obbligata. Siamo alle ultime battute dell’anno liturgico. La saggezza della Chiesa, con l’anno liturgico, vuole aiutarci a camminare lungo il tempo in compagnia dei misteri di Cristo, perché l’anno non sia solo un anno civile, con le sue risorse e i suoi problemi, ma anche un anno di grazia, così da vivere la fatica del quotidiano sorretti dalla speranza che può comunicarci Il Signore. È logico che questi ultimi giorni ci richiamino alle realtà ultime alle quali Dio vuole indirizzare la nostra vita. L’Apocalisse è la rivelazione della fine e, meglio ancora, “del fine!” della nostra vita: la salvezza è vivere con Dio in eterno. Siamo destinati alla casa del Padre.

Leggi tutto l’articolo di Francesco Marmiroli su La libertà del 25 novembre 2020

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento