Differenze tra pro vita e pro aborto

Stampa articolo Stampa articolo

Il Tg1 qualche sera fa parlava di “marea umana” a Varsavia che manifestava contro la sentenza della Corte Costituzionale polacca che vieta l’aborto terapeutico ed eugenetico. L’aborto terapeutico sarebbe quello dopo il terzo mese di gravidanza. è una metodica cruenta. Sarebbe terapeutico per la madre perché così evita (dicono) traumi psicologici in caso di un bambino/bambina con difetti fisici. Negli Usa c’è l’aborto a nascita parziale fino al termine della gravidanza, voluto da Clinton e riconfermato da Obama, ma non dai presidenti repubblicani, e non solo per difetti fisici ma semplicemente perché la madre non lo vuole. La sfida elettorale Usa ha nell’aborto sempre una pietra d’inciampo. L’Alta Corte polacca ha stabilito che “l’aborto per labbro leporino, piede torto e sindrome di Down sono una violazione della Costituzione”. Solo per fare un esempio il “labbro leporino” continua ad essere un motivo sufficiente per abortire nel Regno Unito. Sono stati 17 gli aborti per labbro leporino in Inghilterra nel 2019 e tra il 2006 e il 2010 sono stati eseguiti 157 aborti legati a malformazioni estetiche. Il labbro leporino è una malformazione oggigiorno operabile con successo e non lascia segni estetici.

Leggi tutto l’articolo di Gabriele Soliani su La Libertà del 11 novembre 2020

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento