Giovani – domenica al Reggio Film Festival la premiazione del concorso per videomaker sul tema dei passaggi DEI, dei limiti e degli ostacoli

Stampa articolo Stampa articolo

Sono 25 (di cui 23 in concorso e due fuori concorso) i cortometraggi di giovani videomaker che, nell’ambito del Reggio Film Festival, hanno partecipato alla sezione “Passaggi. Tra barriere e altri limiti” promossa da Officina educativa per invitare i più giovani a interrogarsi sulle diverse barriere e sui limiti, fisici e mentali, che caratterizzano la nostra epoca.

“Si tratta di un progetto importante del quale siamo particolarmente soddisfatti perché in questa sesta edizione ha coinvolto giovani e giovanissimi talenti da tutta la regione – ha detto l’assessore comunale a Educazione e giovani Raffaella Curioni intervenuta martedì scorso alla serata di presentazione – I 25 video presentati raccontano in modo autentico e coraggioso un tema straordinariamente attuale come quello delle barriere che oggi purtroppo invade in modo prepotente la vita di questa generazione. I ragazzi decidono di raccontare il loro punto di vista, di mettersi in gioco, di portare le loro emozioni e le loro paure, ma anche le loro speranze per un futuro di libertà, responsabilità e diritti. Ci siamo emozionati nel vedere i corti e come sempre questa bellissima gioventù ci sorprende e ci illumina. Siamo orgogliosi come città di non avere mai smesso di credere ed investire su di loro. Perché è anche con il prezioso contributo di questi giovani talenti che si costruiscono comunità più virtuose e solidali. Come Comune ci metteremo a disposizione per valorizzare il più possibile questi straordinari contributi”.

I corti pervenuti hanno prodotto una riflessione intensa e a più voci che sviluppa interessanti e dense chiavi di lettura del tempo presente e delle nostre vite, caratterizzate, oggi più che mai, da continui “passaggi” tra “barriere e altri limiti”. Esistono infatti barriere cromosomiche, personalissime, intime e fondanti della nostra stessa identità. Poi ci sono i limiti alla nostra libertà, che non sono dettati da noi stessi, ma dal sistema in cui nasciamo e cresciamo, dalle leggi e dalle norme sociali, dalla cultura a cui, per nascita o convenzioni, ci sentiamo di appartenere. Ci sono anche barriere che innalziamo per scelta, come opera di protezione verso alcuni luoghi della nostra mente o verso gli altri o verso il mondo. Ci sono poi barriere erette in maniera non intenzionale da alcuni, che diventano però ostacoli insormontabili per altri. Ci sono barriere che rischiano di trasformarsi in ideologie, “rassicuranti” riferimenti identitari innalzati per difenderci da tutti coloro che non appartengono al nostro stesso gruppo, che talvolta diventano anche muri e fili spinati.

La premiazione della sezione “Passaggi. Tra barriere e altri limiti” avverrà domenica 8 novembre, serata conclusiva del Reggio Film Festival. Oltre ai primi tre corti premiati con il Premio della Giuria, anche il pubblico potrà esprimere il proprio voto per assegnare il Premio Social, visionandoli tutti sulla pagina Youtube del Portale Giovani (https://www.youtube.com/user/portalegiovani2011/featured) e assegnando il proprio like entro le ore 20 di domenica.

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento