Passo Indietro

Stampa articolo Stampa articolo

La Unahotels Reggio Emilia, dopo una settimana di indecisioni legate alle condizioni fisiche dei due americani Justin Johnson e, soprattutto, del folletto Brandon Taylor, playmaker e leader emotivo della squadra, si presenta alla sfida in casa con Brindisi svuotata di energie e concentrazione. I pugliesi, team quadrato e decisamente più avanti, quanto ad amalgama e preparazione fisica, rispetto ai reggiani, gioca una partita attenta ed aggressiva, spegnendo progressivamente l’attacco biancorosso, che si trova appeso alle estemporanee invenzioni di Bostic e a qualche sprazzo degli altri suoi compagni. Davvero troppo poco per sperare di sopravanzare un team ostico e ben allenato dal sempre sottovalutato coach Vitucci.

Leggi tutto l’articolo di Matteo Fortelli nella rubrica Post Alto su La Libertà del 14 ottobre 2020

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento