Chiamati ad accompagnare alla conversione

Stampa articolo Stampa articolo

Le parole del vescovo Massimo nella festosa liturgia di ordinazione sacerdotale e diaconale

Cari fratelli e sorelle,
cari Matteo, Alessandro e Tommaso,
cari Marcello, Sebastiano e Paolo,
il mio saluto innanzitutto a voi e alle vostre famiglie, ai vostri amici, a tutti coloro che vi hanno accompagnato fino a questo giorno così importante per la vostra vita e la vita della Chiesa. Saluto e ringrazio i Superiori del seminario che hanno curato il vostro cammino: il rettore, don Alessandro Ravazzini, il vice rettore, don Luigi Orlandini, don Matteo Bondavalli, il superiore della Familiaris Consortio, don Pietro Adani; i padri spirituali: don Edoardo Ruina, don Pietro Paterlini, don Matteo Mioni; saluto e ringrazio anche i professori dello Studio Teologico Interdiocesano e in particolare don Daniele Moretto che lo ha diretto per la maggior parte degli anni in cui i nostri candidati agli ordini hanno studiato. Un saluto pieno di affetto anche ai vostri parroci: don Fernando Borciani, don Pietro Paterlini, don Nildo Rossi, don Luigi Rossi, don Guerrino Franzoni e don Stefano Manfredini.
Saluto con affetto il vescovo Adriano, mio predecessore su questa cattedra.

Oggi, attraverso il sacramento dell’Ordine, nei suoi gradi presbiterale e diaconale, Cristo prende definitivamente possesso delle vostre vite e vi introduce ad un rapporto di speciale identificazione con lui, con il suo cuore “traboccante di pace” (Dionigi l’Areopagita, De divinis Nominibus 953 A 10) e assetato dei cuori degli uomini. Come dice san Paolo, non sarete più voi a vivere, ma Cristo in voi (cfr. Gal 2,20). Solo lasciandovi possedere interamente da Gesù sarete in grado di portare agli uomini con letizia e fedeltà la luce che oggi vi investe.

Leggi il testo integrale dell’omelia pronunciata dal vescovo Massimo Camisasca su La Libertà del 20 settembre 2020

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana

Lascia un commento