Un telegramma da Pieve di Guastalla

Stampa articolo Stampa articolo

Scrivere un ricordo di don Gianni nei suoi 9 anni a Pieve di Guastalla può risultare forse di parte, considerato che ha sposato me e Miriam e battezzato Giulio, ma credo che sia bello mettere in luce il suo servizio pastorale presso la nostra comunità.
La prima cosa che mi viene in mente di don Gianni è la sua cura nella celebrazione della Messa e dei momenti di preghiera: il ricercare momenti di silenzio e di raccoglimento serviva per avvicinare la comunità al mistero della Parola di Dio e del pane spezzato.
Questi istanti erano riempiti dalla voce del Padre: la celebrazione ti permetteva così di uscire col cuore pieno di Dio.

Leggi tutto il testo di Andrea Cavazzoni su La Libertà del 23 settembre 2020

 

 

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento