“No drop No out”, due weekend di eventi in provincia

Stampa articolo Stampa articolo

Domenica 27 a Castelnovo Sotto e San Polo d’Enza, il 4 ottobre a Rio Saliceto e Villa Minozzo

Si svolgeranno domenica 27 settembre e domenica 4 ottobre gli ultimi eventi dedicati all’iniziativa “No drop, no out” promossa dal Dipartimento per le Politiche giovanili della Presidenza del Consiglio dei ministri rivolta ai giovani, per scoprire nuovi sport e nuove  discipline all’aria aperta come parkour, skate e giocoleria.

Il progetto promosso da Upi Emilia-Romagna e dalla Provincia di Reggio Emilia, in collaborazione con Uisp, Csi e Pinco srl, è sviluppato nell’ambito di “Azione ProvincEgiovani”, il bando del Dipartimento per le Politiche giovanili della Presidenza del Consiglio dei ministri, che
quest’anno si pone un duplice obiettivo: contrastare la dispersione scolastica e l’abbandono sportivo e diffondere una maggiore consapevolezza ambientale ed etica da parte dei giovani.

Si parte domenica 27 settembre a Castelnovo Sotto, in piazza Prampolini dalle 8 alle 13, e a San Polo d’Enza, presso il Centro socio culturale Sassi a Barcaccia, a partire dalle 15. La domenica successiva, invece, saranno coinvolti il comune di Rio Saliceto, in piazza Carducci al
mattino, e quello di Villa Minozzo, al pomeriggio presso la piscina comunale.

Dopo una prima fase in cui sono stati formati giovani ambassador dello sport, cono stati coinvolti centinaia di ragazzi e curiosi ai primi eventi di Borretto, Cavriago e Novellara delle settimane scorse.
Il drop out (abbandono) sportivo è, infatti, un fenomeno piuttosto frequente tra i giovani: circa il 20 per cento dei ragazzi e il 40 per cento delle ragazze interrompe prematuramente l’attività sportiva tradizionale, che pure rappresenta uno strumento importante per soddisfare molti loro bisogni, creando occasioni d’incontro, di confronto e, dunque, di crescita.

Tra i risultati attesi vi è anzitutto l’aumento dei giovani partecipanti alle attività sportive, coinvolgendo quanti non sono attualmente intercettati dalle offerte sportive strutturate di società e gruppi, nonché una sensibilizzazione a corretti e sani stili di vita, contribuendo anche
ad incentivare il ripopolamento dei contesti periferici ed isolati.
L’abbandono della pratica sportiva durante l’adolescenza aumenta le probabilità di trascorrere una vita sedentaria. Secondo i rapporti Unicef e Ue-Ocse in Europa un bambino su tre è in sovrappeso e gli ultimi dati Istat la quota dei bambini sedentari è del 48 per cento nella fascia 3-5 anni e oltre 20 per cento nei ragazzi tra i 18 e 20 anni.
Per partecipare agli eventi gratuiti è necessario prenotarsi sul sito della Provincia di Reggio Emilia https://www.provincia.re.it/nodropnoout/

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento