Don Roberto, felice di amare Gesù

Stampa articolo Stampa articolo

Como: il ricordo del sacerdote ucciso, testimone dell’amore per gli ultimi

“Ricordo don Roberto come un prete felice. Felice di amare Gesù servendolo nei poveri, nei profughi, nei senza tetto, nei carcerati, nelle prostitute. Nei poveri riconosceva ‘la carne viva’ di Cristo, a cui si era donato attraverso uno speciale ministero che potremmo definire ‘di carità spicciola’, indirizzato alle persone singolarmente prese, a cui offriva tempo, energie, delicate attenzioni e premure, soprattutto un grande cuore”.

Continua a leggere l’articolo di Michele Luppi su La Libertà del 23 settembre 2020

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento