Musei Civici: sabato la storia del tavolo ottagonale che attraversa il Novecento reggiano

Stampa articolo Stampa articolo

Alle 17.30 la presentazione del libro “La storia sul tavolo. Tra due epoche del Novecento, cronache, memorie, riflessioni sul Pci di Reggio Emilia” a cura di Lorenzo Capitani, con testi di Attilio Marchesini, Claudio Franzoni, Massimo Zamboni

Appuntamento dedicato a un particolare oggetto della storia della nostra città sabato 26 settembre a Palazzo dei Musei. Alle 17.30 Lorenzo Capitani, Attilio Marchesini, Claudio Franzoni e Massimo Zamboni presenteranno il libro La storia sul tavolo. Tra due epoche del Novecento, cronache, memorie, riflessioni sul Pci di Reggio Emilia, edito da Fondazione Reggio Tricolore e curato da Lorenzo Capitani. Il libro racconta le vicissitudini del tutto singolari di un tavolo ottagonale, di pregiata fattura artigianale e di inusuale imponenza, destinato a diventare un oggetto culto che ha attraversato tutta la grande storia del Novecento, dal Direttorio del Pnf alla Liberazione, dai primi anni del dopoguerra all’approdo finale nella storica sede del Pci di Palazzo Masdoni.

Sin dalla sua progettazione e dalla sua realizzazione il nostro tavolo ha accompagnato anche le vicende delle realtà museali reggiane, attraverso le storie di Antonio Fulloni, punta di diamante della cultura reggiana tra gli anni Venti e gli anni Trenta; di Desiderio Cugini e Pietro Zama Lanzoni, artigiani di grande valore militanti dell’antifascismo clandestino. Proprio dalle sapienti mani del Lanzoni, “il più abile intagliatore e scolpitore in legno”, secondo la ricostruzione di Attilio Marchesini, passeranno nel corso del tempo molti materiali della Galleria Parmeggiani.

Quel “pulviscolo di emozioni che avvolge gli oggetti”, come è stato detto – in questo caso un tavolo ottagonale di cui si erano perdute le tracce – offre lo spunto agli autori del volume per riflessioni culturali e politiche e suggerisce nuovi percorsi di ricerca. In particolare sul percorso di un grande partito popolare, con le sue luci e le sue ombre, così centrale nella politica e nel governo del nostro territorio, di cui il nostro tavolo ha finito per rappresentare una sorta di totem identificativo.

Evento a ingresso gratuito fino a esaurimento posti con prenotazione obbligatoria al 0522.456816 dal martedì al venerdì dalle 9 alle 12, sabato domenica e festivi dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19.

Iniziativa a ingresso gratuito. Prenotazione obbligatoria

Simona Silvestri

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento