Roccaporena e Cascia: nei luoghi di santa Rita, la santa dell’impossibile

Stampa articolo Stampa articolo

Luogo
La piccola frazione di Roccaporena, minuscolo borgo da appena 70 residenti, si trova ad un’altezza di 707 metri, all’estremità di una piccola gola, a circa 6 km da Cascia. Ci troviamo in provincia di Perugia, regione Umbria. Cascia invece è un paese di 3.000 anime dove si trova il santuario di Santa Rita, costantemente visitato da tantissimi fedeli.

Storia e devozione
Santa Rita da Cascia è una delle sante più venerate in Italia e nel mondo cattolico, sia per i prodigi operati che per la sua umanissima vicenda terrena. Nata a Roccaporena all’incirca nel 1380, è figlia unica di Antonio e Amata. Alla sua infanzia è legato un fatto prodigioso; quando era ancora in fasce, i genitori presero a portare la neonata con loro durante il lavoro nei campi. Un giorno, mentre la piccola riposava all’ombra di un albero, uno sciame di api le circondò la testa senza pungerla, anzi alcune di esse entrarono nella boccuccia aperta depositandovi del miele. Rita crebbe nell’ubbidienza ai genitori, i quali a loro volta inculcarono nella figlia tanto attesa i più vivi sentimenti religiosi. Già dai primi anni dell’adolescenza Rita manifestò apertamente la sua vocazione ad una vita religiosa, infatti ogni volta che le era possibile si ritirava nel piccolo oratorio domestico a pregare.

Leggi tutto l’articolo di Valeria e Paolo Battistelli su La Libertà del 16 settembre 2020

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento