Il vaccino? Bene comune

Stampa articolo Stampa articolo

Zamagni (dopo il Papa): «Non può essere brevettato»

“Papa Francesco coglie immediatamente la rilevanza dei problemi urgenti e in questo momento l’urgenza è quella che riguarda la regolamentazione della produzione ma soprattutto della fruizione del vaccino”. Dal Meeting di Rimini Stefano Zamagni, economista e presidente della Pontificia Accademia delle Scienze sociali, commenta le parole pronunciate in udienza da Papa Francesco. “Sarebbe triste – ha detto il Santo Padre – se nel vaccino per il Covid-19 si desse la priorità ai più ricchi”, diventasse “proprietà” di qualcuno e “non sia universale per tutti”. Il professore commenta subito: “Il vaccino, come tutti sanno, per essere efficace deve essere universale. Stiamo parlando di vaccini contro malattie altamente contagiose come quella del Coronavirus e se io vaccino una categoria di persone e non l’altra, è chiaro che il risultato desiderato non può essere raggiunto”.

Come si fa a rendere universale la fruizione di un vaccino?
Bisogna evitare che si ammetta la brevettabilità degli inventori. Il sistema dei brevetti si applica nei confronti dei beni privati e di alcuni beni pubblici ma non dei beni comuni. Quello che allora il Papa ha voluto dire è che il vaccino per malattie infettive contagiose deve essere riconosciuto in sede internazionale come bene comune e non come bene privato.

Continua a leggere tutto l’articolo di Maria Chiara Biagioni su La Libertà del 2 settembre 2020

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana

Lascia un commento