Nascite al minimo storico: c’è un deficit di speranza

Stampa articolo Stampa articolo

Le nascite toccano nel 2019 ancora un nuovo minimo storico. In Italia prosegue inesorabile la crisi delle culle vuote. Non si riesce proprio ad invertire la tendenza. La diminuzione è del 4,5% rispetto al 2018, pari a circa 19mila bambini nati in meno, con un totale di 420.170 nascite. Inoltre aumenta del 16,1% il numero di cittadini cancellati dalle liste anagrafiche per emigrazione all’estero, pari a 182.154 persone.
I dati dell’Istat sono riferiti al 2019. Ormai questo problema sembra diventato strutturale. Il persistente declino avviatosi nel 2015 ha portato a una diminuzione di quasi 551mila residenti in cinque anni.

La motivazione appare essere soprattutto culturale e psicologica. La mentalità è tutta riferita al presente e c’è poca progettualità anche a causa della mancanza di lavoro e della mancanza di speranza e di una visione positiva verso il futuro. Le cose che fino a pochi anni fa sembravano normali e addirittura scontate come sposarsi e avere dei figli ora sembrano per i giovani delle utopie di difficile realizzazione. Le nonne e mamme riprendano a parlare di maternità con le proprie figlie e nipoti. Manca un linguaggio per raccontare la maternità, che sembra quasi essere caduto nell’oblio. Stesso discorso vale per i futuri papà.

Leggi tutto l’articolo di Silvia Bosio su La Libertà del 26 agosto 2020

 

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento