MISAOTRA MOMPERA!

Stampa articolo Stampa articolo

Da La Libertà del 27 luglio 2020

Per la Famiglia delle Case della Carità, con alcune immagini narrate con riconoscenza dalle Sorelle che lo hanno conosciuto da vicino, ringraziamo e benediciamo il Signore per la vita piena di sapore evangelico di don Pietro Ganapini che per noi è stato padre, fratello, consigliere, amico e compagno di vita in Madagascar.
Don Pietro amato dai più poveri, apprezzato e stimato da tutti. Quando siamo arrivati nel 1967/68 con l’équipe diocesana lui ci ha accolto, era già parroco di Ilanivato, nella periferia di Tanà, dopo alcuni anni parroco ad Ambanidia, quartiere povero della capitale, viveva sempre in semplicità ed essenzialità, pensava più agli altri che a se stesso.

Ringraziamo soprattutto per questa caratteristica della sua vita, l’attenzione ai più poveri, soprattutto ai bimbi poveri accolti gratuitamente nelle tante scuole da lui costruite, preoccupandosi di dare loro una ciotola di riso al giorno perché, diceva, se non mangiano dopo aver fatto a piedi tanta strada come possono imparare? Preoccupandosi che i piccoli avessero cibo e istruzione, una educazione completa.
È stata testimonianza di fede e servizio al Signore e ai poveri anche il suo essere pastore disponibile a tutti nelle comunità che gli erano affidate, il suo essere uomo dello spirito e di preghiera, il suo essere accogliente a tavola con tutti tra risate e ricordi, il suo essere per i poveri in un modo non sprovveduto ma correndo il rischio della carità, il condividere il dono del suo essere musicista, amante della liturgia, con composizioni meravigliose usate in tutta l’Isola.
Così ha amato il popolo malgascio. Negli ultimi anni la sua decisione di rimanere in Madagascar fino alla fine e di vivere in una Casa della Carità, la prima, a Tongarivo, in famiglia coi poveri, in una stanza al piano superiore semplice e povera.

Ringraziamo il Signore per la sua lunga vita donata che ora si è compiuta; come in una armonica melodia.
Ora crediamo che anche a lui tutto sarà donato per la promessa di Gesù: “Venite benedetti dal Padre mio, ricevete in eredità il Regno preparato per voi fin dalla creazione del mondo” (Mt 25,34).
MISAOTRA MOMPERA!

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana

Lascia un commento