E Francesco parla della retribuzione universale di base

Stampa articolo Stampa articolo

Nella sua “Lettera ai movimenti popolari” pubblicata nel giorno di Pasqua (lo scorso 12 aprile) papa Francesco ha chiesto l’istituzione di una retribuzione universale di base: “Forse è giunto il momento di pensare a una forma di retribuzione universale di base che riconosca e dia dignità ai nobili e insostituibili compiti che svolgete; un salario che sia in grado di garantire e realizzare quello slogan così umano e cristiano: nessun lavoratore senza diritti”.
La proposta non ha mancato di suscitare reazioni, sia entusiaste sia critiche. Queste sue affermazioni significano forse che il Santo Padre abbraccia la causa di un reddito universale, versato a tutti, senza condizioni? O egli intende difendere il principio del giusto salario per tutti i lavoratori? E poi, se davvero si sta parlando di un reddito universale senza condizioni, in che modo un’attenzione autenticamente evangelica ci può orientare per valutare bene le condizioni pratiche di una sua attuazione? Oppure si tratta semplicemente di un’utopia irrealizzabile?

Continua a leggere l’articolo di Luigi Bottazzi nella pagina dei Lettori su La Libertà del 1°luglio 2020

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento