Non c’è più religione

Stampa articolo Stampa articolo

Uno dei miei quattro lettori mi ha chiesto perché non dedico una pagina del Diario alla Chiesa, dato che sono di Famiglia cristiana e non mi manca La Libertà per farlo. Stavo per rimandare all’Avvenire, ma poi ho pensato di esaudire il desiderio, anche se così mi brucio la carriera da vatincanista. Pazienza.
Quando ero giovane, in parrocchia mi piaceva fare l’animatore: oggi, tra dispersione e stanchezza, penso che sarei più utile come rianimatore.

Vale anche per le casse parrocchiali, benché di questua faccenda si parli poco.
Ho pertanto avanzato al consiglio per gli affari economici la proposta di sostituire la sagra, ancora off-limits, con una bella festa dell’Unità – Pastorale, si capisce – ma è stata bocciata. Anzi, un funzionario di cui non posso fare il nome mi ha confidato che certi parroci di unità pastorale rischiano una denuncia per assembramento di troppe parrocchie.

Continua a leggere l’articolo di Edoardo Tincani nella rubrica “Diario di casa mia” su La Libertà del 24 giugno 2020

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento