Gli antirazzisti saranno più credibili se…

Stampa articolo Stampa articolo

In un piccolo e lontano territorio d’Europa si cerca di difendere la vita nel grembo materno. Ora è una zona della Brexit ma sulla cartina geografica fa parte dell’Europa perché è l’Irlanda del Nord. Il vento dell’aborto aveva soffiato travolgente in Irlanda (non del Nord) il 25 maggio 2018 con il 66,4% a favore.
Il riccone magnate Soros aveva finanziato Amnesty International Irlanda con oltre 235.000 dollari per far vincere il Sì all’aborto, e così è stato. Ora però il ricostituito parlamento di Stormont (Irlanda del Nord) ha approvato una mozione per rigettare la neo legislazione abortista che comprende anche tutte le “disabilità non fatali”. Si sono fatti sentire anche i vescovi.

Continua a leggere tutto l’articolo di Gabriele Soliani su La Libertà del 24 giugno 2020

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento