Agriturismo, una App per uscire dalla crisi

Stampa articolo Stampa articolo

Coldiretti Reggio Emilia: grande soddisfazione per il lancio della App AGRIBICI

 Cibo genuino, turismo di prossimità, greenways, campagna e aria aperta: è questa in pochi ingredienti la ricetta degli agriturismi di Campagna Amica Terranostra per affrontare il dopo covid19 che ha segnato perdite per 1,5 mln solo a Reggio Emilia

Il calo delle presenze negli agriturismi per il mese di Aprile a Reggio Emilia, in base ad una stima di Terranostra Emilia Romagna, ha comportato una perdita di circa 1,5 milioni di euro pari al 6% delle perdite delle strutture agrituristiche della regione. A queste si aggiungono quelle registrata dal calo delle presenze, circa l’80%, per il ponte del 2 giugno, prima occasione per fare una scampagnata nel verde dopo il lockdown.

Gli agriturismi della Coldiretti reggiana si sono organizzati per uscire dalla crisi realizzando l’App Agribici, che attraverso il gps guida in sentieri ghiaiati, carraie e percorsi campestri attraversando agriturismi e fattorie.

«La ripresa c’è anche se procede con grande rilento soprattutto per l’offerta di alloggio e pernottamento – dichiara Maria Cerabona, direttore della Coldiretti di Reggio Emilia. L’attività di ristorazione, ancora ridotta al minimo, sta dando buoni segnali di riprese anche perché gli agriturismi, spesso situati in zone isolate della campagna, con un numero contenuto di posti e con ampi spazi all’aperto, sono forse – sottolinea la Cerabona – i luoghi dove è più facile garantire il rispetto delle misure di sicurezza per difendersi dal contagio fuori dalle mura domestiche».

Sono molte – spiega la Coldiretti reggiana – le curiosità proposte negli agriturismi, dai pranzi-picnnic sull’erba alle cena tra i filari della vigna, con distanziamento naturale, sicurezza e intraprendenza, che sono le parole chiave del nuovo inizio ‘post Covid’ degli agriturismi aderenti a Campagna Amica-Terranostra, la rete degli agriturismi promossa da Coldiretti. E con l’arrivo della bella stagione scegliere il turismo in campagna significa anche evitare il pericoloso rischio di affollamenti nelle città.

«Il progetto Agribici collega la rete di aziende Campagna Amica e offre agli appassionati di bicicletta, famiglie o gruppi di amici una possibilità di godersi in sicurezza la campagna – spiega Raffaello Landini, presidente Terranostra Reggio Emilia e ideatore della App. Tutti i percorsi si possono seguire completamente o solo per alcuni tratti e sono tutti immersi nella campagna, nei parchi e nelle oasi naturali. Il distanziamento è assicurato».

«Ci siamo assicurati la collaborazione di Calypso di Bibbiano – continua Landini – che si occupano del noleggio delle biciclette per chi arriva da lontano e non le può trasportare, oltre ad essere esperti istruttori e accompagnatori di escursioni organizzate sul territorio reggiano».

È una offerte in più che le aziende di Campagna Amica hanno pensato per i reggiani e per i turisti amanti della scoperta dei territori e dei loro tesori. Infatti durante questi percorsi o al termine della giornata si può mangiare presso le strutture o acquistare prodotti tipici.

L’agriturismo, anche nella nostra provincia, svolge un ruolo centrale anche nella Fase 3 per la vacanza alla scoperta del territorio perché contribuisce in modo determinante al turismo di prossimità per la riscoperta di piccoli borghi, oasi naturalistiche, centri minori e delle campagne per garantire il rispetto delle distanze.

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento