Coronavirus: terapie intensive libere da pazienti Covid

Stampa articolo Stampa articolo

La Direzione dell’Azienda USL IRCCS di Reggio Emilia informa con grande soddisfazione che dalle 17.30 del 28 maggio le tre terapie intensive della provincia (3° piano Arcispedale Santa Maria Nuova e CORE, con un totale di 42 posti letto e Ospedale di Guastalla con 12 posti letto) non hanno pazienti COVID positivi ricoverati. Dall’inizio della pandemia i pazienti COVID ricoverati in terapia intensiva sono stati 87 all’Arcispedale e 35 all’Ospedale di Guastalla.

Il primo paziente COVID positivo, trasferito da Piacenza, è stato ricoverato  all’Arcispedale il 28 febbraio scorso, mentre il primo reggiano è stato ricoverato alla terapia intensiva dell’ospedale reggiano il 29 febbraio ed il primo ricovero in terapia intensiva all’Ospedale di Guastalla risale al 1° marzo scorso.
Dall’inizio della pandemia sono stati ricoverati negli ospedali reggiani 2.207 pazienti COVID positivi. Attualmente i pazienti COVID ricoverati negli ospedali del presidio ospedaliero sono 120, di cui 31 ricoverati per COVID e 89 per patologie diverse con una pregressa positività al virus.

La Direzione ringrazia tutto il personale delle terapie intensive e non solo, per l’impegno, la dedizione e la professionalità dimostrata in un periodo difficile, lungo, faticoso ed emotivamente forte e stressante. Ora più che mai è necessaria la collaborazione di tutti per rispettare le misure di prevenzione per il contenimento del virus, nella speranza che la riduzione dei ricoveri sia confermata anche nei prossimi giorni.

 

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento