La Verità ci cerca, andiamole incontro!

Stampa articolo Stampa articolo

“La tua mano (di Dio) mi conduceva a lui (Ambrogio) senza che io lo sapessi, per essere condotto, cosciente, da lui a Te. Egli, l’uomo di Dio, mi accolse con bontà paterna: da buon maestro accolse il pellegrino. Presi subito ad amarlo, sulle prime, purtroppo, non come un maestro di quella verità che io non speravo affatto di trovare nella tua Chiesa, ma per la sua bontà verso di me. Ero assiduo ascoltatore delle spiegazioni che teneva al popolo, non con lo scopo con cui avrei dovuto, ma quasi per giudicarne l’eloquenza, se conforme alla fama […] e pendevo dalle sue labbra, attratto dalle sue parole, ma non interessato, anzi alquanto infastidito dall’argomento. «Lontano dai peccatori è la salvezza», e io ero di quelli. Però andavo avvicinandomi a essa, a poco a poco, senza saperlo (sant’Agostino, V libro delle Confessioni).

La vita di sant’Agostino, con la sua conversione, è uno degli esempi più significativi che mi vengono da evidenziare come motivo di speranza per tutti affinché ci sia sempre tempo per cambiare rotta nel proprio modo di vivere e di spendere la vita in questo mondo!
La quarantena che abbiamo vissuto è stata una messa alla prova molto importante per ognuno di noi. Ci ha migliorati come persone? Ci ha resi diversi da come eravamo prima? Cosa abbiamo imparato da questa esperienza di vita? 

Leggi tutto l’articolo di Tina Ferrara su La Libertà del 20 maggio 2020

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento