Si fa sentire la mancanza degli abbracci

Stampa articolo Stampa articolo

Egregio Direttore, desidero proseguire con le due lettere trascorse, esprimendo sempre esperienze di vita. Cosa manca ad una persona sola in casa:
– se è attiva, capace, volonterosa, niente. – se ha fede e desidera leggere e pregare, la TV ti offre tante possibilità di intimità con Dio.
Basta non pensare a quanto è gratificante il calore di un abbraccio, di un bacio da coloro che ami e dai quali sei amata, questo sì manca.
Metto in luce alcuni esempi:
– un abbraccio a coloro a cui devi tanta gratitudine e con i quali hai condiviso: viaggi, canti, momenti di gioia conviviale, compleanni, battesimi e anche lutti, ma sempre in amicizia vera;
– un abbraccio a coloro ai quali, attraverso varie iniziative, hai donato il tuo tempo e la tua disponibilità per gli ammalati, i poveri, i carcerati, clandestini soli senza nessuna prospettiva.

Leggi tutto l’articolo nella pagina dei Lettori su La Libertà del 20 maggio 2020

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento