Classe del Convitto “R. Corso” di Correggio riceve una menzione speciale al concorso “Impresa in azione”

Stampa articolo Stampa articolo

Progettato un ecocompattatore per il riciclo intelligente dei rifiuti in plastica

I giovani della terza B dell’indirizzo Manutenzione ed Assistenza Tecnica Curvatura Meccanica – dell’Istituto Superiore “R. Corso” annesso al Convitto Nazionale Statale di Correggio si sono aggiudicati una “menzione speciale” alla fase interregionale (Emilia-Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giulia) del concorso “Impresa in azione”, il programma di educazione imprenditoriale nella scuola superiore sviluppato da Junior Achievement, inserito tra i Percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento (PCTO) riconosciuti dal MIUR e finanziati dalla Camera di Commercio.

La competizione si è tenuta per la prima volta in modalità online a causa del Covid-19, ma questo non ha fermato gli studenti del “Corso” che, affiancati nella loro esperienza da un docente coordinatore, hanno realizzato la “3B Company”, una impresa che si occupa di riciclaggio eco-sostenibile, organizzata come una vera azienda con tanto di amministratore delegato, direttore generale, responsabile commerciale e di marketing.

Il progetto imprenditoriale sviluppato dai giovani della terza B è stato premiato per “le altissime competenze tecniche messe in campo” nella realizzazione di un compattatore ECO, capace di riutilizzare in modo intelligente i rifiuti in plastica prodotti in grande quantità nelle scuole di secondo grado.

La competizione prevedeva, per ogni progetto di mini-impresa, una audizione del rappresentante legale per illustrare il progetto davanti ad una giuria selezionata di imprenditori, manager ed esperti di azienda tutti collegati in web conference.

Siamo molto lieti – sottolinea il presidente della Camera di Commercio, Stefano Landidel risultato conseguito dagli studenti dell’Istituto Corso, perché premia tanto le loro competenze quanto la passione che hanno manifestato e la capacità di guardare a quell’economia sostenibile che può assicurare un miglior futuro a tutti”.

Alla soddisfazione – conclude Landi – si aggiunge anche il ringraziamento a questi ragazzi per aver tenuto davvero alto il prestigio del nostro territorio con un progetto che rende evidente di quanta innovazione sia capace questa terra in quel settore meccanico che da sempre rappresenta uno dei suoi punti di forza a livello nazionale e internazionale”.

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento