I danni psicologici della quarantena

Stampa articolo Stampa articolo

Dopo un’ubriacatura iniziale in cui molti riscoprivano la bellezza del tempo che rallenta scorrendo piacevolmente tra le mura domestiche, con l’andare del tempo all’allarme derivato dall’epidemia e dal modo con cui sono state riversate tonnellate di dati spaventosi si è sommata la fatica della quarantena. Da due mesi la popolazione è esposta a stress continuo; se vi si aggiunge la forte paura per il degrado delle condizioni economiche fino al timore della perdita del lavoro si comprende meglio il perché dei drammatici dati emersi da uno studio commissionato dall’Ordine degli Psicologi all’istituto Piepoli.

L’impatto emotivo dell’emergenza su una persona dipende dalle caratteristiche e dalle esperienze di quella persona oltre che dalle sue circostanze sociali ed economiche.
Non ci sono dati desunti da esperienze simili che permettano di trarre esaurienti conclusioni. Tuttavia da tragedie sociali in qualche modo ravvicinabili – come il crollo delle torri, precedenti epidemie più locali, terremoti o tsunami – si è visto che una quota di popolazione trae spunto dalla tragedie per correggersi, migliorare proprie debolezze, divenire più responsabile, in altre parole divenire più resiliente.

 

Leggi tutto l’articolo di Umberto Nizzoli su La Libertà del 13 maggio 2020 

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento