Da Banco Bpm donati all’Ausl IRCCS di Reggio Emilia due ecografi. Saranno impiegati nei settori più interessati dall’emergenza Covid-19

Stampa articolo Stampa articolo

Una donazione disposta da Banco Bpm del valore complessivo di 57.700 euro ha permesso l’acquisizione di due ecografi da impiegare nei settori assistenziali impegnati nell’emergenza Covid-19.

Una delle apparecchiature è destinata alla Struttura di Reumatologia dell’Arcispedale Santa Maria Nuova diretta dal Professor Carlo Salvarani, tra gli autori dello studio nazionale che indica l’impiego del farmaco antireumatico Tocilizumab nel trattamento di pazienti affetti dal virus Covid-19. L’ecografo è di modello avanzato, dotato di quattro sonde, due delle quali sono lineari ad alta frequenza per prestazioni qualitativamente elevate.

Il secondo ecografo ha caratteristiche di portabilità e facile sanificazione, aspetti particolarmente utili nelle fasi diagnostiche in contesti di emergenza-urgenza che vedono l’ingresso di pazienti Covid positivi.

Ad accogliere nella sede del CORE e ringraziare Stefano Bolis, in  rappresentanza di Banco Bpm quale Responsabile della Direzione Territoriale Emilia Adriatica, era il Direttore del Presidio Ospedaliero Provinciale Giorgio Mazzi insieme a Carlo Salvarani e al Direttore del Dipartimento Emergenza-Urgenza Anna Maria Ferrari.

“Sostenere gli imponenti sforzi messi in campo dalla sanità reggiana in questo momento di emergenza è per noi motivo di grande soddisfazione – ha dichiarato Stefano Bolis – Sul territorio, insieme alla nostra Fondazione Banco San Geminiano e San Prospero, abbiamo già sostenuto la Protezione Civile dell’Emilia Romagna per l’acquisto di presidi sanitari protettivi utili al contenimento del contagio, abbiamo dato vita a un importante progetto di crowdfunding per la Croce Verde e continueremo ad impegnarci con azioni concrete che siano d’immediato supporto alla nostra comunità”.

La Direzione dell’Azienda USL IRCCS di Reggio Emilia e tutti suoi professionisti sono profondamente grati non solo per questo aiuto concreto e rilevante ma, soprattutto, per l’apprezzamento, la fiducia e l’incoraggiamento che questa donazione rappresenta per tutti gli operatori della sanità reggiana. 

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento