Lo sport aiuta tutti, chi aiuta lo sport? – ‘Csi Live’ con Giammaria Manghi

Stampa articolo Stampa articolo

Csi Reggio incontra il capo della segreteria politica della presidenza dell’Emilia-Romagna

Csi Live, il format studiato dal Centro Sportivo di Reggio per mantenere viva l’informazione sul mondo dello sport, arriva a quota cinque appuntamenti con la diretta del 7 maggio. Ospite d’eccezione, il capo della segreteria politica della presidenza dell’Emilia-Romagna, Giammaria Manghi, che ha sottolineato il ruolo centrale degli enti di promozione sportiva in questo momento, come ‘connettori’ preziosi tra le realtà locali e le istituzioni. 

«Cerchiamo di fare la nostra parte fino in fondo – ha concluso Manghi -, ma non possiamo agire da soli. Stato e Comuni devono dare dei segnali in questa direzione. Cosa che ha fatto, per esempio, il Csi Reggio, valutando l’idea di abbassare le quote associative: questo si configura come un aiuto, che dà respiro a chi è in difficoltà».

Introdotto dal presidente del Csi Reggio, Alessandro Munarini, Manghi ha innanzitutto descritto un passaggio importante compiuto negli ultimi giorni a livello regionale. «Secondo l’ordinanza regionale del 6 maggio, con applicazione a partire dal 7 maggio – ha spiegato -, lo sport può riprendere anche nel mondo giovanile e amatoriale». Ovviamente nel rispetto del distanziamento sociale, solo all’aperto e senza possibilità di accedere a strutture di supporto (vedi: spogliatoi): «se questi tre elementi sono presenti, è possibile fare attività fisica in sicurezza», ha aggiunto. 

Il confronto è valso anche ad approfondire alcune questioni particolarmente stringenti di tipo economico. «L’emergenza – ha introdotto Manghi – ha attivato la ricerca di risorse per cui il bilancio pre pandemia, che calcolava 2 milioni e mezzo di euro dedicati allo sport, oggi raggiunge i 6 milioni». Due milioni (1 milione per le progettazioni sportive, 500mila per eventi regionali e 500mila per eventi sovraregionali) bando annuale che premia 200 soggetti sportivi, con scadenza posticipata al 25 giugno. Tre milioni invece per i voucher a sostegno delle famiglie; resta in attesa di destinazione 1 milione, che potrebbe aggiungersi alle risorse per i voucher o andare a costituire «un fondo rotativo di prestito senza interessi, con una garanzia tra Regione e istituti di credito, per fornire alle società liquidità utili alla manutenzione ordinaria degli impianti sportivi», ha spiegato Manghi.

«I voucher a sostegno delle famiglie sono una soluzione studiata per arrivare a settembre senza perdere nessuna iscrizione – ha specificato -. Abbiamo istituito la cifra di 150 euro a persona, rivolta a bimbi e ragazzi tra i 6 e i 16 anni, erogata tramite un provvedimento dei Comuni su base Isee». Sarà un sistema tracciabile e «verrà calcolato un tetto più ampio per chi ha più figli. Ci sarà poi una quota riservata ad atleti che appartengono alla dimensione paralimpica».

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento