La sorpresa dell’amore. «Il vero volto di Dio»

Stampa articolo Stampa articolo

Condividiamo come arricchimento spirituale, in queste pagine, i testi delle omelie che don Carlo Sacchetti – parroco dell’unità pastorale “Cuore Immacolato di Maria” (parrocchie di Rubiera, Fontana, San Faustino e Sant’Agata) – ha tenuto nel recente Triduo Pasquale.

VENERDI SANTO 

Per vivere bene la Pasqua è fondamentale avere una disponibilità interiore, che non è sempre così scontata: quella di lasciarsi sorprendere. Solo chi si lascia sorprendere – chi ha cioè uno spazio interiore che permette a ciò che non conosce, che non ha mai sperimentato prima, che va al di là della sua immaginazione, di entrare nella sua vita e avvicinarlo alla verità – può vivere bene la Pasqua.
Chi non ha questo spazio interiore arriva a farsi delle idee rigide, delle costruzioni mentali dentro le quali fa rientrare tutto ciò che accade. Ha sempre una parola per tutto, “non poteva che andare così”, “se non fai così chissà che cosa ti succede”… e il sistema diventa la gabbia mentale nella quale si chiude resistendo alla verità. Le ideologie nascono così, quando non ci si lascia più provocare dalla realtà ma si pretende di farla rientrare in quella piccola scatola che è il nostro pensiero.

Leggi il testo integrale dell’omelia su La Libertà del 29 aprile 2020 

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento