Il «Piano Vanoni», storia e attuabilità

Stampa articolo Stampa articolo

L’impegno sociale e politico di Ezio Vanoni, uno degli esponenti più autorevoli della DC, è caratterizzato dal suo contributo alla stesura del ‘Codice di Camaldoli’, alla sua partecipazione ai governi De Gasperi, alla realizzazione della Riforma tributaria del 1951, un provvedimento che aveva lo scopo di offrire ai cittadini un’Amministrazione giusta, affinché ciascuno sentisse legittima e moralmente doverosa la propria partecipazione all’adempimento tributario.

Nel 1954 Vanoni, nominato ministro del Bilancio nel primo governo Fanfani, presentò agli italiani lo ‘Schema di sviluppo dell’occupazione e del reddito in Italia nel decennio 1955/64, passato alla storia come ‘Piano Vanoni’. Un ‘Piano’ ideato per porre le basi di un più equilibrato progresso economico dell’intero Paese, basato su tre punti fondamentali:
– conoscere in modo approfondito i problemi della struttura economica italiana.

Leggi tutto l’articolo di Giancarlo Ferretti su La Libertà del 29 aprile 2020 

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento