Smart working: il punto sulle imprese reggiane e una guida della Camera di Commercio

Stampa articolo Stampa articolo

Le misure di contenimento dell’emergenza sanitaria in corso hanno imposto, e ancora stanno imponendo, una fortissima accelerazione al ricorso al “lavoro agile” – smart working – la metodologia di lavoro che coinvolge, anche se in misura differenziata, tutti i settori economici, inclusa la Pubblica Amministrazione.

Le imprese reggiane erano pronte – di fronte all’emergenza – ad una accelerazione di tale modello organizzativo aziendale? E relativamente allo sviluppo di nuovi modelli di business, erano attrezzate?

L’analisi che l’Ufficio Studi della Camera di Commercio di Reggio Emilia ha effettuato sui dati del sistema informativo Excelsior evidenzia che, negli ultimi cinque anni, un’impresa reggiana su cinque (precisamente il 21,7%) ha effettuato investimenti per l’adozione di sistemi di smart working, valore leggermente più contenuto rispetto al dato regionale (22,4%) e inferiore di quasi tre punti a quello dell’Italia (24,6%), risentendo evidentemente di una struttura produttiva più orientata alla manifattura. Rispetto ad un anno prima, la percentuale delle imprese con almeno un dipendente dei settori industriali e dei servizi, esclusa la Pubblica Amministrazione, che ha investito sul lavoro agile è cresciuta dello 0,8% (era 20,9% nel 2018).

La situazione appare molto differenziata tra i settori, che non si prestano in egual misura al “lavoro agile”, ma soprattutto è legata alle dimensioni aziendali, che sanciscono le vere e macroscopiche differenze.

Le imprese dei servizi – stando all’analisi settoriale – hanno effettuato gli investimenti maggiori: il 22,3% delle attività del terziario rispetto al 20,8% dell’industria. Relativamente ai diversi comparti dei servizi, alcuni presentano percentuali più elevate, come, ad esempio, i servizi avanzati di supporto alle imprese (41,3%) o gli “altri servizi” (46,4%) che comprendono, fra l’altro, la produzione di software e la consulenza informatica, i servizi di informazione e di comunicazione, le attività assicurative e finanziarie.

A fare la differenza più evidente – come si diceva – è la dimensione aziendale: il 52% delle imprese con 250 dipendenti e oltre ha investito in adozione di sistemi di smart working; la percentuale scende al 40,7% per le aziende che occupano dai 50 ai 249 dipendenti. Per le dimensioni inferiori la quota percentuale si riduce ancora e si ferma al 26,7% per le imprese da 10 a 49 dipendenti e al 17,8% per le microimprese, ovvero fino a 9 dipendenti.

Più rilevanti sono stati, invece, gli investimenti effettuati dalle imprese della provincia di Reggio Emilia per sviluppare nuovi modelli di business: oltre una azienda su tre, infatti, ha orientato i propri investimenti al digital marketing, ovvero all’utilizzo di canali e strumenti digitali per la promozione e la vendita dei propri prodotti o servizi (34% delle imprese); nel 2018 la percentuale era inferiore di quasi quattro punti percentuali e si era fermata al 30,4%.

Il nuovo scenario che le imprese dovranno gestire nel prossimo futuro sarà portatore di notevoli cambiamenti, ma anche di grandi opportunità, anche in campo lavorativo e per i giovani.

I risultati delle indagini Excelsior già negli anni passati hanno mostrato una domanda di competenze per il digitale trasversale che interessa i diversi comparti produttivi, le varie aree aziendali e i profili professionali ricercati dalle imprese.

Nel 2019, poi, tale richiesta è ulteriormente cresciuta, passando dal 55,3% al 57,8%, la quota percentuale delle imprese che, fra le varie competenze, richiedono ai nuovi assunti di saper utilizzare competenze digitali e più delle metà delle aziende – il 51,5% – necessita di personale che sappia utilizzare linguaggi e metodi matematici ed informatici.

Per supportare le imprese reggiane nel loro percorso di trasformazione digitale e aiutarle ad attivare efficacemente soluzioni di smart working il PID, Punto Impresa Digitale della Camera di Commercio di Reggio Emilia, ha creato una pratica guida – disponibile sul sito camerale www.re.camcom.gov.it – in formato pdf, contenente le migliori soluzioni in cloud per lavorare in team e garantire l’operatività aziendale anche da remoto. La guida è disponibile da alcuni giorni e rappresenterà un utile supporto anche in prospettiva, perché se è vero che l’emergenza legata al Covid-19 ha imposto queste scelte, il lavoro a distanza è comunque una opportunità importante che ha rilevanti impatti economici ma anche sociali e ambientali.

Per approfondire una o più soluzioni proposte, e/o introdurle concretamente in azienda, è possibile ricevere gratuitamente l’assistenza specialistica dei digital promoter del PID Reggio Emilia, scrivendo a pid@re.camcom.it.

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento