Una lettera dal Centrafrica

Stampa articolo Stampa articolo

“In occasione della Pasqua – ha scritto don Pietro Rabitti, parroco dell’unità pastorale di Puianello – Vezzano – vorrei portarvi i saluti di Anna Giampietri, che sta offrendo il suo tempo e la sua professionalità e salute in Centrafrica in pediatria a Bangui, tramite la Ong-onlus Medici con l’Africa Cuamm. Le ho chiesto se ci poteva mandare due righe per condividere questa Pasqua con noi a distanza. Le sono molto grato perché, in mezzo alle tante cose da fare, pensare, organizzare… ha trovato il tempo per noi. Lo credo un segno pasquale molto bello che ci aiuta a vivere con più realismo il dono che Gesù continua a farci della sua vita, attraverso la testimonianza dei nostri fratelli e sorelle”. Di seguito la lettera di Anna.

Carissimi, ringrazio tutta la comunità per la manifestazione d’affetto nei miei confronti ma soprattutto per la testimonianza di solidarietà che in questo momento pesante donate alla comunità. I mezzi di comunicazione mi permettono di condividere la vostra situazione: è un tempo di condivisione, il coronavirus è arrivato anche da noi; la reazione immediata della gente è stata scomposta… “la caccia e la ricerca dell’untore” che qui da noi “è il bianco”, prima o poi siamo tutti untori, mi ricordo da noi la diffidenza nei confronti dei cinesi. La storia si ripete! L’infezione da noi è ancora contenuta (anche perché non ci sono molti mezzi per diagnosticarlo, mezzi che invece avete voi).

Leggi tutto l’articolo su La Libertà del 22 aprile 2020

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento