Revisioni del tempo

Stampa articolo Stampa articolo

Vorrei smentire nel mio piccolo il luogo comune secondo cui non ci sarebbero più le mezze stagioni. Sì, perché non saprei definire altrimenti che “mezza”, cioè a metà, questa stagione reclusa iniziata senza preavviso e che forse si concluderà presto o forse no, da consumare preferibilmente entro giugno, si spera, alla maniera di una mozzarella.
È una stagione pazzerella, nella quale il fisico, come in un letargo ritardato, vive ancora tutti gli acciacchi dell’inverno, potendo però già “godere” di tutti i disagi da primi caldi, con le zanzare e le allergie in cima alla lista, senza farsi mancare l’ultima tromba d’aria d’importazione.
La chiamavamo primavera: prima v’era, appunto, oggi non v’è.

Continua a leggere tutto l’articolo di Edoardo Tincani nella rubrica “Diario di casa mia” su La Libertà del 22 aprile 2020 

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento