Il liceo «Chierici» piange Giovanni Rapaggi

Stampa articolo Stampa articolo

Colleghi, ex studenti e amici ricordano il docente di storia dell’arte 

Se n’è andato l’8 aprile, a 80 anni, in seguito a una grave malattia, il professor Giovanni Rapaggi, di Montecavolo, frazione di Quattro Castella. È stato docente di storia dell’arte al liceo artistico statale “Gaetano Chierici” dagli anni Settanta alla pensione. Molto noto in città, riservato, stimatissimo, amatissimo come docente e collega, personaggio molto colto, raffinato, amava la musica e ha cantato, per almeno 40 anni, come tenore nel coro lirico del teatro Romolo Valli. Gentile, generoso, amante della scuola e dei ragazzi aveva un buon rapporto con tutti ed era aperto al mondo dell’arte a tutto campo, con una grande esperienza di vita, studio, ricerca.

Il suo bon ton era indiscusso, così come il suo essere sempre elegante e distinto, con una nota sportiva: era molto tifoso della Juventus. Giovanni Rapaggi lascia la moglie Ester Statuti, due figli, Marco e Laura, e tre nipotini, Lorenzo, Riccardo ed Alessandro. La moglie, Ester Statuti, commossa, così ne delinea il profilo: “Era una persona ed un docente meraviglioso, ha donato la sua cultura a tutti: amici, studenti, ragazzi che, anche oltre la scuola, gli chiedevano consulenza per la storia dell’arte e della musica. Ci conduceva sempre all’arena di Verona, insieme a tutti i nostri amici, alle mostre in città e fuori, lo abbiamo seguito con molta ammirazione e stima. Persona molto riservata e molto semplice, non ambiva a nulla, era molto umile. Mi manca molto, mi sembra di vivere un brutto sogno, non mi rendo conto che non c’è più: il dolore non si può esprimere a parole”.

Leggi l’intero articolo su La  Libertà del 22 aprile 2020 

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento