Scuola: nominato il Comitato di esperti per l’emergenza in atto. Il commento UCIIM

Stampa articolo Stampa articolo

La Ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, il 21 aprile 2020, presso il Ministero, un Comitato di esperti che avrà il compito di formulare e presentare idee e proposte per la scuola con riferimento all’emergenza sanitaria in atto, ma anche guardando al miglioramento del sistema di Istruzione nazionale.

Il comitato risulta così composto:

  • Bianchi Patrizio, coordinatore,professore ordinario di Economia e Politica industriale presso l’Università di Ferrara;
  • ssa Carimali Lorella, docente presso il Liceo Scientifico statale “Vittorio Veneto” di Milano;
  • Ceppi Giulio, ricercatore e docente incaricato presso il Politecnico di Milano;
  • Di Fatta Domenico, dirigente scolastico presso l’Istituto di istruzione superiore “Regina Margherita” di Palermo;
  • ssa Ferrario Amanda, dirigente scolastico dell’Istituto di istruzione superiore “Tosi” di Busto Arsizio (Varese);
  • ssa Fortunato Maristella, dirigente dell’Ambito Territoriale di Chieti e Pescara, Ufficio Scolastico Regionale per l’Abruzzo;
  • ssa Lucangeli Daniela, professore ordinario di Psicologia dell’Educazione e dello Sviluppo presso l’Università di Padova;
  • Melloni Alberto, professore ordinario di Storia del Cristianesimo presso l’Università di Modena-Reggio Emilia;
  • ssa Pozzi Cristina, Ceo & Co-founder Impactscool;
  • Quacivi Andrea, Amministratore delegato di Sogei;
  • ssa Riccardo Flavia, ricercatore presso l’Istituto Superiore di Sanità;
  • Ricciardi Mario, già professore associatodi Diritto del Lavoro e delle Relazioni industriali presso l’Università di Bologna;
  • ssa Riva Mariagrazia, professore ordinario di Pedagogia Generale e Sociale, presso l’Università di Milano-Bicocca;
  • Salatin Arduino, presidente Istituto internazionale salesiano di ricerca educativa – ISRE;
  • Sandulli Aldo, professore ordinario di Diritto Amministrativo presso la LUISS Guido Carli;
  • ssa Spinosi Mariella, dirigente tecnico del Ministero dell’Istruzione in quiescenza;
  • Versari Stefano, direttore generale dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’Emilia Romagna;
  • Villani Alberto, Presidente della Società Italiana di Pediatria.

 

Trasmetto una breve considerazione sulla composizione del Comitato costituito dal Ministro dell’Istruzione e composto di 18 membri, che deve occuparsi della Scuola:

Come al solito prevalgono gli universitari e minimale è la presenza della scuola militante: docenti (uno solo), dirigenti scolastici (due soltanto); è assente il personale non docente.

Sono assenti i rappresentati delle associazioni professionali e genitoriali, che certamente vantano un ricchissimo e formidabile patrimonio di competenze e indubbiamente sono  in grado di proporre apporti significativi ed efficaci.

Con quale criterio il ministro ha scelto i componenti del comitato? Perché questa sproporzione?

 

Giuseppe Adriano Rossi

 presidente UCIIM Reggio Emilia

 

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento