Rotary Club Guastalla: 500 mascherine all’Unione Bassa Reggiana

Stampa articolo Stampa articolo

Si moltiplicano le iniziative di solidarietà da parte dei vari club Rotary della nostra regione per aiutare concretamente Enti e Aziende Sanitarie Locali durante l’emergenza Covid-19. Fra queste, si distingue il Club di Guastalla che, dopo aver donato qualche settimana un Ecografo Wireless con iPad e caricatore WiFi per sonda al nostro Ospedale Civile, ha pensato di donareanche 500 mascherine all’Unione Bassa Reggiana da destinare ai servizi sociali e all’Aspdel nostro distretto.

La consegna è avvenuta stamattina presso la sede dei servizi sociali di via IV novembre a Guastalla e presso l’Asp di Luzzara da parte del pastpresident Luciano Alfieri, in rappresentanza del club guastallese, il quale ha anche annunciato che nei prossimi giorni doneranno una fornitura di alimenti all’Emporio Solidale.

“Questi – spiega Luciano Alfieri –  sono solo alcuni dei tanti interventi che il Rotary sta portando avanti a livello mondiale. In particolare, il distretto Emilia Romagna-Repubblica di San Marino ha donato fino ad oggi materiali per oltre 300mila euro e ogni giorno si aggiungono donazioni e iniziative diverse”.

Il presidente dell’Unione Bassa Reggiana Camilla Verona, a nome del direttore Elena Gamberini e di tutti i sindaci dei comuni associati, ringrazia sentitamente il Rotary Club di Guastalla. “In un momento difficile come quello che stiamo vivendo in queste settimane, gesti di solidarietà, vicinanza e aiuto concreto rappresentano un incoraggiamento fondamentale nel proseguire le nostre azioni per fronteggiare l’emergenza. Scalda davvero il cuore constatare che le associazioni del nostro territorio mostrino sensibilità e sostegno nei confronti della sanità pubblica e dei servii socio-assistenziali agli anziani e alle persone fragili in genere”.

Il Rotary Club di Guastalla ha pensato anche a iniziative di informazione medico-scientifica e culturale, organizzando una serie di video conferenze, con l’applicazione Zoom,aperte a tutti. Così. Dopo il primo appuntamento con il dott. Omar Arar, medico pneumologo presso l’Ospedale Covid-19 di Guastalla, sul tema “Covid-19, notizie dal fronte”, e il dott. Gianluca Dotti, giornalista scientifico di Wired, su come interpretare i dati e le notizie, si è svolta la serata di storia guastallese in cui Daniele Daolio, ricercatore di storia locale, ha parlato di “quando in chiesa alla Pieve si andava in barca”, storia di un corso del Po a molti sconosciuto. In programma per il 30 aprile l’incontro con la dottoressa Lucia Mangone, dirigente medico presso l’Asl di Reggio Emilia, Servizio di Epidemiologia, responsabile struttura operativa semplice Registro Tumori della Provincia di Reggio Emilia, sul tema “Lettura delle informazioni e delle statistiche medico scientifiche”.

Si precisa che il progetto di donazione dell’ecografo wireless all’ospedale Covid-19 di Guastalla, realizzato a metà marzo, è stato sostenuto anche daRotaract Club Guastalla e Associazione Amici del Cuore di Guastalla.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento