Tutti uniti nel Rosario del Beato

Stampa articolo Stampa articolo

Lunedì 13 aprile alle ore 17 

Il 13 aprile 2020 alle ore 17 su iniziativa del Comitato Amici di Rolando Rivi, tutti gli amici di Rolando sono invitati a unirsi spiritualmente in preghiera, ognuno dalla propria abitazione, nella recita del Santo Rosario in ricordo del martirio. Suggeriamo di recitare il Santo Rosario seguendo queste indicazioni.

All’inizio del rosario si legge questa invocazione:
Nel settantacinquesimo anniversario, recitiamo il Santo Rosario in memoria del martirio del Beato Rolando Rivi. Chiediamo a Rolando che interceda per noi, insieme a Maria, madre del Carmelo, cui il giovane seminarista fu affidato nel giorno del Battesimo.

O Signore, il 13 aprile 1945, Rolando fu ucciso per aver testimoniato con coraggio la sua fede cristiana. Con la suprema eloquenza del sangue egli ha fatto risuonare alto il suo amore per Gesù e ci ha indicato l’unico modo in cui la nostra fragile vita può avere sempre luce, forza, speranza, eternità: appartenere a Cristo. “Io sono di Gesù”.

O Signore,
donaci un cuore semplice, come quello di Maria e di Rolando, per riconoscerti presente in ogni circostanza della vita;
donaci un cuore fedele, come quello di Maria e di Rolando, per rimanere accanto a Te, anche quando ogni certezza umana finisce;
donaci un cuore umile, come quello di Maria e di Rolando, per saperti seguire, nella compagnia della Chiesa, sorgente di una umanità nuova;
donaci un cuore ardente, come quello di Maria e di Rolando, per testimoniare ogni giorno il tuo amore e la gioiosa speranza, che viene dalla tua Resurrezione, ascoltando il bisogno di ogni uomo.

Con piena fiducia nella misericordia del Padre e nell’intercessione di Maria e Rolando, chiediamo a Dio di liberarci dalle epidemie, dalla paura, dall’angoscia e da ogni male.

Durante il rosario, al termine di ogni decina, dopo la preghiera “o Gesù perdona …” si dice:

Maria Regina dei Martiri, prega per noi

Al termine del santo rosario si recita la preghiera di Rolando:

O Dio Padre misericordioso,
che scegli i piccoli
per confondere i potenti del mondo,
Ti ringrazio per averci donato,
nel seminarista Rolando Rivi,
una testimonianza di amore totale
al tuo Figlio Gesù e alla sua Chiesa,
fino al sacrificio della vita.
Illuminato da questo esempio
e per intercessione di Rolando Martire,
Ti chiedo di darmi la forza
di essere sempre
segno vivo del tuo amore nel mondo
e Ti supplico di volermi concedere
la grazia …
che ardentemente desidero.

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento