Cogliamo oggi l’invito alla conversione e il bene

Stampa articolo Stampa articolo

L’omelia di monsignor Camisasca nella solennità dell’Annunciazione del Signore

Cari fratelli e sorelle,
durante queste settimane abbiamo meditato più volte su un tema difficile: l’incontro fra la libertà di Dio e la libertà dell’uomo. Negli avvenimenti della storia, che ruolo ha Dio e qual è il ruolo dell’uomo? La liturgia di oggi, ripresentandoci la realtà dell’Annunciazione e dell’Incarnazione, ci offre una risposta a queste domande. Tale risposta non ci esonera dalla riflessione e dalla fede, ma ci porta nella giusta direzione.
Innanzitutto la “decisione” dell’Incarnazione è stata una decisione del Padre. È il Padre che ha chiesto al Figlio di farsi uomo. E il Figlio ha risposto sì. Ma questa decisione, per potersi attuare, aveva bisogno anche del sì di una donna. Dio avrebbe avuto tante altre possibilità, certamente: dal momento che ha creato l’uomo, avrebbe potuto ricreare da zero un uomo nuovo. Ma sarebbe stato giusto e buono? Si sarebbe trattato in fondo un’“altra” umanità. Il Padre invece voleva che il Figlio si incarnasse in questa umanità: nella nostra umanità sofferente, nell’umanità precaria, nell’umanità mortale di cui tutti noi siamo parte. Perciò il Figlio, per entrare nel mondo, doveva passare attraverso un’Incarnazione, una gestazione e una nascita che fosse in tutto identica alla nostra. L’incarnazione doveva quindi passare attraverso il sì di una donna.

Leggi il testo integrale dell’omelia su La Libertà dell’1 aprile

 


FOTOGALLERY

DSC_1633

Immagine 1 di 9

DSC_1633

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento