Locanda «Don Guglielmi», aperta per accogliere

Stampa articolo Stampa articolo

La Locanda “Don Luigi Guglielmi” è stata inaugurata il 10 dicembre 2019 dal vescovo Massimo, in via dell’Aeronautica, già sede degli uffici della Caritas diocesana. Accoglie e accompagna uomini adulti non solo in difficoltà abitativa e quindi legate ad un bisogno materiale, ma persone con multiproblematicità (perdita della casa, del lavoro, dei documenti, delle cure medico sanitarie…).
Francesco Iori, referente della Locanda per la Caritas diocesana, ci dice che “le accoglienze di questi primi mesi ci hanno fatto incontrare persone con una povertà sempre più ampia, non più legata solamente al soddisfacimento di bisogni primari (mangiare e dormire), ma ad un più complessivo bisogno di essere accompagnate a far parte della collettività, anche per coloro che si sentono esclusi. A Francesco abbiamo chiesto anche altre cose.

Francesco, come vengono gestite le accoglienze?
La Locanda don Guglielmi è una struttura di seconda accoglienza che viene coordinata dalla Funzione Accoglienza della Caritas, che ha sede a fianco della struttura stessa. Gli operatori ricevono le diverse richieste di accoglienza e accompagnamento di persone dalle diverse realtà territoriali – Servizi Sociali, servizi sanitari, comunità parrocchiali, associazioni, cooperative eccetera – condividendo e strutturando progetti individualizzati.
Le persone ritenute idonee a questo tipo di accompagnamento, dopo un primo discernimento da parte dell’équipe della Funzione Accoglienza, entrano a far parte della Locanda.

Leggi tutto l’articolo di Gianmarco Marzocchini su La Libertà del 25 marzo 

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana

Lascia un commento