Coronavirus, una lettera agli operatori del turismo e ai viaggiatori dello spirito

Stampa articolo Stampa articolo

Gli incaricati ecclesiastici per il turismo delle regioni italiane più colpite dal Coronavirus esprimono incoraggiamento e vicinanza agli addetti del settore in una lettera diffusa lo scorso 3 marzo. Le circostanze stanno affaticando questa filiera. Un augurio particolare è riservato pure ai pellegrini. Pubblichiamo di seguito il testo.

C’è una direttiva ufficiale – per il diffondersi del Coronavirus – che mette uno stop a molte attività. E c’è pure una frenata ufficiosa, dettata da emotività soggettiva.
L’ordinanza sarà temporanea. Più tempo, invece, richiederà la ripresa dei mestieri.

Agli operatori turistici
Tale situazione, per quanto è di nostra competenza, ci porta a condividere il momento difficile con tutti gli operatori del comparto turistico. Rivolgiamo loro, e alle loro famiglie, un pensiero grato ed un forte incoraggiamento.
I loro servizi – dai trasporti alla guide, dalla ristorazione ai tour operator – favoriscono i viaggiatori più diversi.
Non è pertanto una categoria, bensì una filiera.

Leggi tutto l’articolo su La Libertà dell’11 marzo

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento