Famiglia: fare chiarezza sui bonus vecchi e nuovi

Stampa articolo Stampa articolo

Le nuove misure per la famiglia messe a punto dal Governo con la manovra di fine anno prevedono la riorganizzazione dei bonus esistenti e lo stanziamento, con la legge di bilancio per il 2020, di nuove risorse: 300 milioni in più rispetto a quanto stanziato l’anno scorso, a sostegno dei redditi più bassi.
Per la vasta platea dei redditi bassi sono già in vigore diverse agevolazioni, nazionali e locali, tutte modulate sulla situazione economica della famiglia, dagli assegni al nucleo familiare, al reddito di cittadinanza per i casi di povertà. Pertanto è possibile calcolare l’effetto del cumulo tra i contributi che, per le famiglie più in difficoltà e con certi requisiti, può arrivare a 9mila euro all’anno (quasi 750 euro al mese). Di scarso impatto sono invece il potenziamento di misure “a rimborso” come il bonus nido, visto che Comuni e Regioni attuano già forti sconti sulle rette per chi ha l’Isee più basso.

Tra le novità di quest’anno, oltre al congedo obbligatorio per i neo-papà che sale da 5 a 7 giorni, viene introdotto un aiuto (fino a 400 euro per neonato) per l’acquisto di latte artificiale, nel caso in cui l’allattamento naturale sia impedito da patologie certificate dal medico. Confermato anche il premio alla nascita una tantum di 800 euro, senza limiti di reddito.

Il bonus bebè, invece, destinato a ogni nuovo nato o adottato dal 1° gennaio al 31 dicembre 2020, diventa un assegno per tutti (finora spettava ai nuclei con Isee entro 25mila euro), modulato in base alla situazione economica della famiglia: avrà 160 euro al mese chi sta entro 7mila euro di Isee; 120 euro chi è nella fascia fino a 40mila, e 80 euro chi sta sopra questa soglia.
Per quanto riguarda i bambini che frequentano gli asili nido, le promesse iniziali di garantire a tutti le “rette gratis” sono state ridimensionate: l’attuale beneficio di 1.500 euro raddoppia a 3mila euro per i nuclei con Isee fino a 25mila euro e sale a 2.500 per chi ha Isee fra 25 e 40mila euro.

Leggi il resto dell’articolo di Maurizio Rizzolo su La Libertà del 12 febbraio

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento