I fallimenti tornano a salire dopo due anni di flessione

Stampa articolo Stampa articolo

Dopo due anni di calo progressivo, il 2019 si è chiuso, per la provincia di Reggio Emilia, con un incremento del numero di fallimenti delle imprese locali.

Sono infatti 85 – contro le 75 del 2018 e le 72 del 2017 – le procedure fallimentari aperte nel territorio reggiano fra gennaio e dicembre dell’anno appena trascorso. A sottolinearlo è l’analisi effettuata dall’Ufficio Studi della Camera di Commercio sui dati del Tribunale di Reggio Emilia.

L’incremento è principalmente legato all’accelerazione del trend che si è registrata dopo la pausa estiva; fino a quel momento, infatti, l’andamento era apparso in linea con gli anni precedenti. Fra settembre e dicembre 2019, in sostanza, i fallimenti aperti sono stati 37, cioè 10 in più (così come il saldo annuale) rispetto allo stesso periodo del 2018.

Il comparto maggiormente interessato è stato il manifatturiero, che con 28 imprese coinvolte  ha registrato un terzo dei fallimenti totali, con una netta prevalenza delle aziende metalmeccaniche (16 imprese) alle quali si aggiungono 2 imprese di riparazione, manutenzione ed installazione di macchine ed apparecchiature.

In lieve decelerazione, invece, le procedure aperte nel settore delle costruzioni. Sono, infatti, 16 (il 18,8% del totale) i fallimenti registrati nel 2019 dal comparto edile, compresi gli impiantisti, 2 in meno se confrontate con il dato del 2018.

Sono, poi, 15 – in crescita di 2 unità rispetto ad un anno prima – le procedure fallimentari aperte nel 2019 relative al commercio sia all’ingrosso (10) che al dettaglio (5); i pubblici esercizi, poi, hanno totalizzato complessivamente 7 fallimenti, e la maggior parte ha riguardato bar e ristoranti (5).

In crescita rispetto al 2018 le procedure fallimentari relative alle aziende del settore immobiliare, che nel 2019 hanno raggiunto le 10 unità rispetto alle 8 dell’anno precedente.

I fallimenti relativi ai servizi di supporto alle imprese sono stati complessivamente 6 e hanno riguardato sia attività professionali, scientifiche e tecniche che il noleggio e leasing.

Toccato più marginalmente il settore della logistica-trasporti, per il quale si contano solo 3 procedure fallimentari

Pubblicato in Articoli, Associazioni

Lascia un commento