Regionali, cosa cambia dopo il voto

Stampa articolo Stampa articolo

Stefano Bonaccini è stato confermato presidente in Emilia-Romagna, portando il centro-sinistra a vincere in quella che era diventata per scelta di Matteo Salvini una sfida sul piano nazionale; Jole Santelli, di Forza Italia, è stata eletta presidente in Calabria, guidando il centro-destra a riconquistare il governo regionale. In entrambi i casi il distacco tra primi e secondi è stato netto: Bonaccini ha avuto il 51,42% contro il 43,63% della leghista Lucia Borgonzoni, Santelli è arrivata a quota 55,43%, mentre Filippo Callipo, candidato del centro-sinistra, si è fermato molto più in basso, al 30,08%. La terza posizione è stata appannaggio del M5S sia in Emilia-Romagna che in Calabria: nella prima regione Simone Benini ha ottenuto il 3,48%, nella seconda Francesco Aiello ha ricevuto il 7,31% dei consensi, appena sopra il “civico” Carlo Tansi con il suo 7,18%.

Se dai candidati alla presidenza si passa alle liste, in Emilia-Romagna il Pd è risultato primo con il 34,69%, seguito dalla Lega al 31,95%. Nel centro-sinistra la lista Bonaccini presidente ha avuto il 5,76%, la lista Emilia Romagna coraggiosa ecologista progressista il 3,77%, Europa verde l’1,95%, +Europa con Psi e Pri l’1,53%. Nel centro-destra Fratelli d’Italia ha ottenuto l’8,59%, Forza Italia il 2,56%, la Rete Civica Borgonzoni presidente l’1,73%. In Calabria il partito più votato, sia pure nella coalizione sconfitta, è stato il Pd con il 15,15%, seguito da Forza Italia (12,43%), con la Lega a un’incollatura (12,26%). Nel centro-destra i consensi si sono divisi in maniera molto articolata: FdI ha avuto il 10,81%, la lista Jole Santelli presidente l’8,53%, Libertas-Unione di centro il 6,81%, la Casa delle libertà il 6,43%. Nel centro-sinistra, dopo il Pd si è piazzata la lista Pippo Callipo presidente con il 7,84%, mentre i Democratici progressisti hanno preso il 6,17% dei voti.

Leggi il resto dell’articolo di Stefano De Martis su La Libertà del 5 febbraio

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento