UniMoRe 2020, Confcommercio entra nel gruppo dei sostenitori

Stampa articolo Stampa articolo

Confcommercio entra nel gruppo dei sostenitori del progetto UniMoRe 2020 e si affianca ai molti soggetti che stanno concretamente dando vita al terzo polo universitario reggiano.

«Con piacere abbiamo accolto la possibilità di fornire anche il nostro contributo a questo importante progetto», dichiara Davide Massarini, presidente di Confcommercio provinciale. «Una Reggio Emilia sempre più universitaria significa per noi una città più viva. Ma soprattutto significa giovani che vivono anche il centro della nostra città, animandolo. E questo auspichiamo sarà un bene anche per i nostri commercianti e ristoratori».

Gli oltre 10mila mq che verranno messi a disposizione entro fine 2020 ospiteranno i primi 1.400 studenti. Si tratta di un numero significativo che contribuirà al rilancio del centro storico e sarà un aiuto per i molti negozi di vicinato oggi in difficoltà.

Si attende inoltre la data di inizio dei lavori del lotto B. Si tratta di altri 10mila metri quadrati che completeranno la ristrutturazione e l’apertura dell’intero complesso. È in corso la raccolta dei fondi e il Comitato Reggio Città Universitaria confida di potere ricevere in questi mesi adesioni sufficienti a coprire l’intero costo.

Il progetto complessivo ammonta a 12 milioni e 200mila euro, a cui vanno aggiunti 1milione e 300mila euro di opere esterne. La risposta positiva di tutto il territorio all’invito del Vescovo Massimo Camisasca fa ben sperare. Proprio in queste settimane sono in corso gli inviti ad avvocati, ingegneri, notai, architetti, medici, professori, sacerdoti, commercialisti, politici e privati benefattori. Il contributo richiesto è di mille euro all’anno per tre anni e si mira a raccogliere l’adesione di 33 rappresentanti per ogni categoria coinvolgendo oltre 300 benefattori.

In attesa dell’inaugurazione della struttura, il 24 novembre prossimo, giorno di San Prospero, l’elenco degli aderenti si allunga, a testimonianza della fiducia infusa nel progetto. Nei giorni scorsi, il logo di Confcommercio è apparso tra i nomi delle altre imprese sostenitrici del progetto, su viale Timavo 43.

«Quando un territorio esprime un progetto così ambizioso e altrettanto valido è indispensabile che il sostegno provenga da tutte le categorie, associazioni e pure da privati cittadini», ribadisce il Presidente del Comitato Reggio Città Universitaria Mauro Severi. «Siamo tutti estremamente orgogliosi della risposta ricevuta fino ad oggi dal territorio. I lavori di ristrutturazione stanno procedendo come da programma e il complesso sarà la degna risposta al trend in crescita delle matricole che stanno scegliendo la sede reggiana di Unimore».

Pubblicato in Articoli, Slide, Società & Cultura

Lascia un commento