Presepe di Antonio Pigozzi nel film di Ficarra e Picone

Stampa articolo Stampa articolo

Nel film di Natale di Ficarra e Picone c’è anche il nostro Appenino. La scena della Natività “La Sintesi” è stata realizzata dal presepista di Villa Minozzo Antonio Pigozzi. Quest’opera è tra quelle esposte al museo permanente (a Gazzano, piccola frazione in provincia di Reggio Emilia) aperto tutto l’anno su appuntamento, creato per celebrare la sua arte.

“Sono stato contattato personalmente da Francesco Frigeri, scenografo di fama mondiale che ha curato film come La Passione di Mel Gibson e Il nome della rosa, – racconta Pigozzi -, che è venuto personalmente a vedere la mostra permanente. In seguito mi ha proposto di collaborare realizzando il presepio che è stato ripreso nel film del duo comico. L’opera si chiama La Sintesi anche perché rappresenta il mio cammino di presepista nei miei 35 anni di attività ed è stata molto impegnativa. Per realizzarla ci sono volute ben 480 ore di lavoro. Con me c’era anche mia collaboratrice Silvia Gigli, il cui contributo è stato determinante per i lavori di abbellimento e ristrutturazione della mostra in occasione del trentesimo anniversario”.

Quest’anno infatti la mostra permanente soffia trenta candeline e si presenta al pubblico in una nuova veste rinnovata negli spazi e nelle scene. Dal giorno dell’inaugurazione di quest’anno ha già raggiunto oltre 3mila visitatori.
Un riconoscimento che va ad accrescere la fama del presepista Antonio Pigozzi, che espone le sue opere in tutto il mondo.
Passato il periodo natalizio, la mostra di presepi di Gazzano è aperta su appuntamento.
Per informazioni si può visitare
https://www.facebook.com/MOSTRA.PRESEPI.GAZZANO.PAESE.DEL.PRESEPIO

Gabriele Arlotti

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento