Ventasso cerca 5 bambini in più

Stampa articolo Stampa articolo

Il sindaco punta sullo «smart working» per incrementare la popolazione

Un piano straordinario per fare aumentare la popolazione del Comune di Ventasso. Di almeno 5 bambini e altrettante rispettive famiglie. “Il nostro problema attuale, considerati i trend demografici, è quello che si riduca sempre di più la popolazione residente con difficoltà a mantenere i servizi sul territorio”, ha raccontato il sindaco Antonio Manari, salito a Serramazzoni alla presentazione del Bilancio di sostenibilità della Cisl Emilia Centrale negli ultimi giorni del 2019.
Nell’intervento del primo cittadino i numeri parlano da soli.

“Occorre distinguere la realtà di crinale, come la nostra e di Villa Minozzo, dal medio Appennino, come a Castelnovo Monti, dove la popolazione cresce. Da noi, invece, oggi ci sono solo 4.000 abitanti in costante calo, mentre dal 1911 al 1950 la popolazione era crescita fino a 11.000 unità. Il calo demografico ha preso il via dal dopoguerra agli anni Settanta, quando si scese a poco più di 6.000 abitanti, per proseguire ad oggi, per quanto leggermente ridotto, ai numeri attuali. La popolazione è distribuita a macchia di leopardo su 258 kmq di territorio, dove, come Comune, dobbiamo mantenere 170 km di strade. Nel 2018 sono nati 19 bambini negli ex quattro comuni di Ventasso, quest’anno solo 16: di questo passo non so tra cinque anni quanti ne nasceranno. Da qui l’interrogativo su come tenere aperti due micronidi che, oggi, contano 12 bambini in tutto, quattro scuole materne ed altrettante elementari”.

Continua a leggere tutto l’articolo di Gabriele Arlotti nella pagina Montagna su La Libertà dell’8 gennaio

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento