In Madagascar, semplicemente felice

Stampa articolo Stampa articolo

Gli aneddoti di don Franceschini, in missione a Manakara

Dal bollettino dell’unità pastorale “San Giovanni Paolo II” riprendiamo l’intervista che don Simone Franceschini, membro della Comunità sacerdotale Familiaris Consortio in missione da due anni in Madagascar, a Manakara (insieme al parroco don Luca Fornaciari), ha rilasciato durante la sua recente visita a Reggio, in occasione della festa di san Prospero.

Don Simone, quando hai deciso di diventare prete e perché? Avevi mai pensato di diventare missionario?
La mia vocazione e il mio desiderio per il sacerdozio si sono accesi nell’infanzia, nell’adolescenza e nella giovinezza, quindi a più riprese. Nel periodo dell’adolescenza il desiderio della vocazione era strettamente legato a quello della missione, grazie ai racconti di qualche missionario tra i frati che conoscevo, che frequentavano casa nostra o erano amici di famiglia. Quindi in realtà non è stata proprio una novità nel mio cammino vocazionale, ma aveva una radice in quel periodo.

Dopo qualche anno di missione, puoi dire che sia come te la aspettavi o è qualcosa di diverso?
Immaginavo che ci fosse una certa distanza tra l’umanità malgascia, l’umanità africana – ma malgascio è diverso da africano, malgascio è più giusto – e noi; cosa che è vera, tuttavia ho riscontrato meno distanza rispetto a quanto credevo all’inizio. Quando osservo i bambini, vedo che in fondo non sono diversi dai nostri bambini. Quando vedo i giovani e vedo come si atteggiano con gli altri giovani (adesso arrivano e si stanno diffondendo anche i cellulari), mi accorgo che i loro atteggiamenti sono veramente simili a quelli dei nostri ragazzi. Quindi, in definitiva, posso proprio dire che è tutto un altro mondo, ma che c’è davvero qualche cosa che accomuna l’uomo di ogni latitudine.

Leggi il testo completo dell’articolo su La Libertà dell’8 gennaio

Don Simone Franceschini

 

Pubblicato in Articoli, Slide, Vita diocesana

Lascia un commento