Avvento, catechesi con padre Maffucci

Stampa articolo Stampa articolo

Se c’è un dramma che colpisce la società di oggi e in particolare i giovani, è l’assenza di uno scopo ideale, è la mancanza di fiducia nel futuro, è un vuoto di senso della realtà. Gli esperti parlano di “nichilismo”: non c’è più nulla di grande per cui valga la pena dare la vita, se non la ricerca istintiva del proprio piccolo piacere e di soddisfazioni provvisorie. È un malessere diffuso, che penetra anche nelle nostre ossa, ma che non può cancellare la sete di felicità vera e il desiderio di essere amati, che stanno al fondo del cuore di ogni uomo. Solo un fatto, una novità irriducibile può rompere questo malessere, infrangere il nichilismo per dare risposta all’attesa profonda di bene.

Il Natale è l’annuncio che questo fatto sorprendente è accaduto e continua ad accadere per l’uomo di oggi. Il Mistero da cui sgorga ogni vita, la verità e il destino di ogni cosa, il senso della realtà e della storia, la bellezza infinita si abbassa sino a noi per innalzarci a Sé e dare risposta alla nostra sete. Dio ci manifesta il suo amore diventando così vicino a noi da poterlo vedere e toccare in un volto umano, così aderente alla nostra realtà da condividere il nostro nascere dalle viscere di una donna, per svelarci la nostra vera natura di figli di Dio.

Saranno questi i temi al centro delle due catechesi di Avvento che si svolgeranno nel salone della Pieve di San Valentino, Santuario del Beato Rolando, in via Rontano 7, Castellarano (RE), giovedì 5 e giovedì 12 dicembre dalle ore 20.45 alle ore 22. Le meditazioni, dal titolo “Dio si dona in un volto umano”, saranno svolte da padre Antonio Maffucci, rettore del Santuario. Gli appuntamenti sono per giovedì 5 dicembre, ore 20.45, sul tema “Il sì di Maria”, e giovedì 12 dicembre, ore 20.45, sul tema “Ha preso carne la speranza dell’uomo”. L’ingresso è libero e gratuito e a ogni partecipante verrà donato un libretto con i brani che faranno da traccia alle catechesi, per poter continuare la riflessione, durante il tempo di Avvento, in modo personale. Accompagneranno le catechesi le immagini con cui i più grandi artisti hanno rappresentato l’annuncio a Maria e il Natale di Cristo. Dopo ogni catechesi padre Antonio sarà disponibile per le confessioni.

Continua a leggere tutto l’articolo di Emilio Bonicelli su “La Libertà” del 27 novembre

 

Pubblicato in Articoli, Vita diocesana

Lascia un commento