stituti San Tomaso: «Nostra ragione di esistere è educare, trasmettere il sapere la missione»

Stampa articolo Stampa articolo

Gli Istituti Scolastici San Tomaso (unica attività della Fondazione Bellelli Contarelli) rappresentano un unicum per Correggio e per la provincia di Reggio Emilia, nel senso che raggruppano quattro ordini di scuola paritaria, dall’Infanzia al Liceo delle Scienze Umane.
Queste quattro scuole rappresentano un insieme di circa 500 alunni che abbracciano tutto l’obbligo scolastico ed oltre, dall’Infanzia alla Secondaria Superiore, con un’importante presenza sul territorio di Correggio, ma con una forte attrattiva anche per i vicini Comuni di Carpi, Rio Saliceto, San Martino in Rio, della “Bassa Reggiana” e perfino della città di Reggio, in particolare per quanto attiene il Liceo.

Una convinzione risuona nei cuori e nelle menti di tutto il personale del San Tomaso: “Ciò che è veramente importante nell’Educazione e per la Vita dei nostri alunni, NON può essere spiegato dai libri, ma deve essere mostrato dalla testimonianza di chi lo vive”; in altre parole è necessario un rapporto vero fra persone e questo può esserci solo se si “educa per amore”… “il cuore è il luogo dell’educazione vera ed è solo parlando al cuore delle persone che si riesce ad educare”, con gli adulti che accompagnano gli alunni nelle loro fasi della crescita umana.

Per fare questo è necessario guardare alla singola persona degli alunni, adottare una didattica interdisciplinare (la realtà della vita è una sola, ancorché con mille sfaccettature), ricca di momenti “laboratoriali/sperimentali” e di lavoro di gruppo; solo così gli alunni imparano a confrontarsi con la realtà e a conoscere se stessi, e “per cosa sono fatti”.
Questo processo è funzionale anche ad orientare gli alunni nelle loro importanti scelte di vita. Gli alunni non devono sentire la conoscenza e il sapere come un peso, una imposizione, ma piuttosto come una loro esigenza di crescita come persone. Bisogna fare in modo che il clima di accoglienza e attenzione faccia sì che gli alunni vengano a scuola ogni mattina VOLENTIERI. Inoltre il confronto e la collaborazione con le famiglie è importante, perché aiuta lo sviluppo del percorso di crescita umana e culturale di ogni alunno.

L’obiettivo principale del San Tomaso quindi non è di ordine economico, anche se, nonostante una seria convenzione con il Comune di Correggio e modesti contributi dallo Stato, dobbiamo chiedere il pagamento di una retta per far fronte agli stipendi degli Insegnanti e ai vari costi di gestione. Tuttavia il costo della retta non è mai stato e non è un ostacolo per accogliere chi si voglia iscrivere al San Tomaso.

Continua a leggere tutto l’articolo su “La Libertà” del 20 novembre

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento