700 borracce consegnate a una rappresentanza degli studenti dell’Istituto Comprensivo

Stampa articolo Stampa articolo

Stamattina, lunedì 18 novembre, in occasione della settimana europea della riduzione rifiuti,  allo Spazio Goccia presso l’acquedotto di Luzzara sono state consegnate 700 borracce riutilizzabili a una delegazione composta da 47 studenti delle classi quinte dell’Istituto Comprensivoborracce che saranno poi distribuite nelle classi ai circa 80 docenti e 600 ragazzi della scuola primaria e secondaria.  

Erano presenti il sindaco Andrea Costa, il vicesindaco Elisabetta Sottili, la dirigente scolastica Maria Elena Torreggiani, il Direttore di Sabar  Marco BoselliArturo Bertoldi di EduIren e i consiglieri comunali di maggioranza Martina Bonura e Monica Borioli che hanno proposto l’iniziativa.

La sensibilizzazione alle tematiche ambientali proseguirà poi durante l’anno scolastico: gli alunni infatti lavoreranno sulle azioni da mettere in campo per ridurre i rifiuti, con i laboratori di SABAR, e sul ciclo della risorsa acqua, con i laboratori di IREN. Allo Spazio Goccia, inaugurato lo scorso giugno, saranno organizzati inoltre laboratori per tutti i bambini e ragazzi, dal nido alla scuola media, di tutta la provincia, in collaborazione con Azienda Servizi Bassa Reggiana e Fondazione Un Paese.   
Lo scorso luglio il Comune di Luzzara ha aderito all’iniziativa “Plastic Free Challenge”, promossa dal Ministero dell’Ambiente per contribuire a eliminare la plastica usa e getta dalle amministrazioni pubbliche.

La plastica infatti, come documentato da numerosi studi, è una delle maggiori cause di inquinamento ambientale, specie nell’ambiente marino, e particolarmente pericolose risultano le cosiddette “microplastiche”, che entrano nel circuito di tutte le catene alimentari, comprese quelle del cibo umano .

Il Comune si impegna dunque  a  ridurre drasticamente,  e possibilmente eliminare, in tutti i locali gestiti direttamente (uffici , biblioteca, sala consiliare, ecc.) l’uso di bottiglie di acqua in plastica e di altri materiali plastici monouso o non biodegradabili e a promuovere comportamenti “plastic free” (senza plastica).

Le borracce saranno successivamente consegnante anche ai dipendenti comunali.

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento