‘Chierici 200’. Sabato 9 novembre a Palazzo dei Musei Stefano Bessoni parla di “Fiabe macabre e scienze inesatte”

Stampa articolo Stampa articolo

La ‘meraviglia’ è una potente lente di ingrandimento per l’osservazione della realtà che ci circonda, magnete di attenzione, fin dall’antichità considerata all’origine della ricerca e della conoscenza, sfida lo stigma e supera tutte le barriere geografiche, anagrafiche, culturali. Oggi sempre di più anche in Italia sono i professionisti che ne hanno fatto strumento per segnare l’ambito del loro interesse, ricercando tutti gli angoli del bello, dell’insolito e del sorprendente. I Musei civici si propongono come fonte di ispirazione e caleidoscopio di meraviglie, di collezioni dall’antico al contemporaneo in cui si rinnova e si ricompone la storia della città e il suo futuro.

Sabato 9 novembre 2019, alle ore 16, a Palazzo dei Musei si svolge il secondo appuntamento di “Anatomia della Meraviglia”, alla scoperta del ‘meraviglioso’, anche quello più nascosto, custodito nei Musei di Reggio Emilia. Per l’occasione Stefano Bessoni, regista cinematografico, illustratore e animatore che lavora con la tecnica della stop-motion, parlerà di “Fiabe macabre e scienze inesatte”, cioè del suo appassionante lavoro che oscilla tra scienze, fiabe, wunderkammer, zoologia, anatomia, creazione di omuncoli, spettri, pupazzi e scarabocchi. Bessoni racconterà il suo percorso, da quando bambino sognava di diventare un becchino agli studi scientifici, dai film sperimentali a quelli per il cinema, fino ai libri illustrati per poi approdare, infine, al “delirio” creazionista dell’animazione stop-motion.

 

 

“Anatomia della Meraviglia” prosegue domenica 17 novembre con l’incontro ‘La splendida vita delle mummie’con Dario Piombino-Mascali, indagatore di mummie e del linguaggio dei corpi imbalsamati.

Stefano Bessoni, regista, illustratore e animatore stop-motion, nasce nel 1965 a Roma, dove si diploma all’Accademia di Belle Arti. Ha realizzato film sperimentali, installazioni video, performance e documentari, ricevendo premi in festival nazionali e internazionali. Ha lavorato per società di produzione cinematografica e televisiva e ha collaborato con Pupi Avati come assistente, storyboard artist e digital effect artist. Ha insegnato regia cinematografica alla Nuova Università del Cinema e della Televisione di Roma e all’Accademia Griffith. Oggi insegna animazione stop-motion alla scuola di illustrazione Ars in Fabula, nell’ambito del Master di illustrazione editoriale, e allo IED Roma, dove è anche coordinatore del corso di illustrazione.

È redattore per la Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia e per la Festa del Cinema di Roma; inoltre, dirige la collana Wunderkammer della casa editrice Bakemono Lab. Tiene workshop in Italia e in Brasile. Tra i diversi libri editi con #logosedizioni ha pubblicato: “Alice sotto terra”, “Homunculus”, “Mr Punch”, “Pinocchio”, “Wunderkammer”, “Oz”, “Rachel”, “Rebecca”, “Giona”, “Theo” e il recentissimo “Lombroso”.

L’iniziativa è ad ingresso gratuito e senza obbligo di prenotazione.

 
Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento