Approvate le erogazioni della fondazione Manodori

Stampa articolo Stampa articolo

2,7 milioni di euro per interventi e progetti per il territorio. Rinnovato il consiglio d’amministrazione

Sono state confermate le erogazioni della Fondazione Manodori per il territorio reggiano. Il consiglio generale della Fondazione Manodori ha definito l’obiettivo di 2,7 milioni di euro
per il 2020, delineando le linee guida e le priorità per gli interventi. La Fondazione Manodori – ha detto il presidente, Romano Sassatelli – mantiene il proprio impegno a favore della nostra comunità, con particolare attenzione alle situazioni più vulnerabili. I contributi del prossimo anno andranno a favore dei progetti a maggiore ricaduta sociale e che rispondono a bisogni concreti. Verranno privilegiate le iniziative realizzate in rete tra soggetti diversi e in grado di catalizzare altre risorse, per garantire continuità e maggiore efficacia. Nella stessa seduta, è stato rinnovato il consiglio d’amministrazione della Fondazione. Leonello Guidetti e Celestina Tinelli sono stati eletti dal consiglio generale in sostituzione di Leonida Grisendi e Gianni Vezzani. Riconfermate Maria Licia Ferrarini e Mariachiara Visconti. Il presidente, Romano Sassatelli, presiede il consiglio d’amministrazione. Assistenza e volontariato, educazione e formazione, salute pubblica, arte e cultura i settori in cui verranno devoluti i contributi del prossimo anno. Si rafforza l’attenzione verso le esigenze essenziali della nostra comunità e le fasce sociali più deboli. Prosegue quindi il sostegno delle mense cittadine, a chi è senza lavoro, anziani e disabili, a percorsi per la prevenzione e cura del disagio giovanile. La Fondazione continuerà a promuovere l’offerta formativa di tutta la provincia di Reggio Emilia, soprattutto nell’ottica di favorire adeguati sbocchi professionali. Proseguirà il consueto appoggio ai nidi e alle scuole d’infanzia e a quelle esperienze educative per bambini e ragazzi, tese a favorire nuovi linguaggi, inclusione, multiculturalità e a contrastare la dispersione scolastica. Per la salute pubblica, emerge l’obiettivo generale di assicurare la continuità dei contributi per l’innovazione tecnologica e la qualificazione delle strutture e dei servizi. Non mancherà il consueto aiuto alla pubblica assistenza e alle associazioni di volontariato che operano in ambito sanitario. Viene confermato il supporto alle principali istituzioni culturali di tutto il territorio reggiano, alle occasioni di incontro e di scambio e alle iniziative di valorizzazione e tutela del nostro patrimonio culturale ed architettonico. Nel corso del 2019, è proseguito il percorso di diversificazione degli investimenti della Fondazione Manodori. La liquidità derivata dalla cessione di azioni UniCredit è stata reinvestita con obiettivi di redditività e un livello di rischio medio-basso. È quasi terminato il recupero delle facciate di Palazzo del Monte, che è in parte sede dell’ente e in parte in locazione. La parte nobile di Palazzo da Mosto, che si affaccia su via Mari nel cuore del centro storico di Reggio Emilia, viene utilizzata per iniziative culturali dedicate ad un ampio pubblico.

 

Romano Sassatelli

Pubblicato in Articoli, Società & Cultura

Lascia un commento